Antica Osteria
del Carugio
GUARDA IL NOSTRO MENÙ

Storia

STORIA DEL RISTORANTE

Lo stile del Carugio è nato più di 150 anni fa ma esisteva fin dal Medioevo. Era una sorta di cooperativa: il proprietario dava la possibilità ad altre persone – il contadino, il pescatore – di portare le materie prime e poi rivenderle. È stato fin da subito un punto di ritrovo per le persone del posto.

L’AMBIENTE

Location

Menù

LE NOSTRE SPECIALITÁ

All’osteria del Carugio abbiamo sempre voluto dare un’impronta fortemente legata ai prodotti locali e alla tradizione di Portovenere, adeguandoci però anche a quelle che sono le esigenze di oggi. Non vogliamo tralasciare i nostri piatti tipici, quelli di una volta, i prodotti – dalla frutta alla verdura – che il nostro terreno ci propone.

Gallery

UN LUOGO ACCOGLIENTE DOVE MANGIARE E RILASSARSI

L'orto

IL RUOLO DELL'ORTO IN CUCINA

All’Antica Osteria del Carugio proponiamo anche piatti vegetariani e vegani, sempre legati alla tradizione ligure, come la Mescciüa – un piatto fatto solamente da ceci, farro e cannellini – o i minestroni, le verdure ripiene. Abbiamo un orto a pochissimi metri da noi, qua a Portovenere. Ci torna quindi abbastanza facile offrire un prodotto sempre fresco, di qualità, radicato nelle nostre tradizioni. Un altro valore aggiunto è il grosso uliveto dove produciamo il nostro olio. Ne siamo orgogliosi. La storia il nostro orto è abbastanza recente. Nasce circa sei anni fa per voler dare, insieme ai piatti tipici, un prodotto coltivato localmente. Faccio un esempio banale: la caponata di pomodoro col cappero e il mosciame di tonno. Sicuramente con il nostro cappero e col nostro pomodoro coltivato qui a Portovenere, regalerà a chi la verrà ad assaggiare un’espressione più ampia di quelli che sono i sapori tipici locali.

slow-food-logo

Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Ogni giorno Slow Food lavora in 150 Paesi per promuovere un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti.